Mobile bagno barocco avorio decapè con fregi

983,00 iva incl.

Disponibile

Richiedi informazioni


Questo prodotto richiede 10 giorni lavorativi di produzione. La data di consegna è stimata entro il 14 Maggio 2024 ma potrebbe subire ritardi.
Cerchi prodotti pronti per la consegna?
Scrivici su WhatsApp ora per verificare le disponibilità.
 

Descrizione

Mobile bagno barocco avorio decapè con fregi

Il nostro Mobile bagno barocco avorio decapè con fregi rappresenta un’eccellenza del made in Italy, frutto di abili artigiani che lavorano con passione e dedizione per creare un pezzo unico nel suo genere. Realizzato completamente a mano con legno di alta qualità, questo mobile è un’opera d’arte che coniuga maestria artigianale e design sofisticato.

Il mobile presenta numerosi elementi in legno massiccio, conferendo solidità e durabilità al prodotto. La sua struttura è finemente decorata con motivi in foglia oro e pietre brillanti, aggiungendo un tocco di lusso e raffinatezza al bagno. La luminosa finitura decapè esalta le forme del mobile, conferendogli un’eleganza senza tempo.

Le ante a vetrina, impreziosite da fresature di alta qualità e meccaniche impeccabili, permettono di esporre con stile gli accessori da bagno. Il top in robusta ceramica porcellanata non solo aggiunge un tocco di classe al mobile, ma assicura anche la resistenza necessaria per affrontare l’uso quotidiano.

La vernice idrorepellente applicata con cura protegge il mobile dagli agenti atmosferici e dall’umidità, garantendo una lunga durata nel tempo. Questo mobile bagno artigianale non è solo un complemento d’arredo, ma un investimento destinato a durare attraverso le generazioni, tramandando la bellezza e la qualità artigianale italiana. Un pezzo unico che aggiunge un tocco di prestigio e raffinatezza a qualsiasi ambiente bagno.

Nella composizione non è inclusa la rubinetteria, però puoi trovarla qui!

Dimensioni: immagini in galleria 

 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mobile bagno barocco avorio decapè con fregi”

Fidati di chi si è fidato